A Ecomondo, la più importante Fiera Italiana del settore ambientale, nell’ambito della sessione “monitoring & control” Iplom ha illustrato l’approccio metodologico adottato per ottemperare alla prescrizione AIA sulla “field inspection” ovvero la rilevazione in campo dell’impatto olfattivo con l’impiego di valutatori.L’attività portata avanti dal servizio HSE con il supporto di Osmotech, ha visto il coinvolgimento di tutta l’organizzazione aziendale che ha reso disponibile il personale, con il forte commitment delle Direzioni Aziendali, per l’effettuazione delle rilevazione.
La selezione dei valutatori, a fronte di candidature spontanee su base volontaria, è stata condotta insieme alle diverse fasi di addestramento svolte sia presso i laboratori olfattometrici di Osmotech che in raffineria.
L’attività in campo durata circa 6 mesi, è stata un’opportunità per avvicinare il mondo amministrativo alla realtà operativa ed in generale consolidare la sensibilità sull’importanza di contenere e minimizzare le emissioni odorigene originare dalle lavorazioni.
I feed back ad oggi raccolti dai partecipanti sono positivi e confermano la validità dell’approccio partecipativo e di responsabilità adottato dall’azienda.
La vera sfida sarà mantenere attivo il monitoraggio con l’impiego sistematico di valutatori interni a supporto e validazione dei risultati forniti  della rete di nasi elettronici e relativi software di modellazione della dispersione odorigena,  ma soprattutto allargare il campo di osservazione all’esterno del perimetro aziendale anche attraverso il coinvolgimento guidato di soggetti istituzionali e stakeholder.

Iplom a Ecomondo 2019 per parlare di rilevazione dell’Impatto Olfattivo