La raffineria è dotata di un impianto di distillazione atmosferica (Topping) e uno di distillazione sotto vuoto (Vacuum) per la lavorazione del residuo proveniente dal Topping.
Il Topping fraziona il greggio in gas di raffinazione, benzina grezza e semilavorati più leggeri per la realizzazione delle varie tipologie di gasolio (autotrazione, riscaldamento, etc.).
Il Vacuum consente, con una pressione di esercizio inferiore a quella atmosferica, di distillare dal residuo proveniente dal Topping semilavorati pesanti destinati alla produzione di gasoli, oli combustibili o bitume.
L’impianto di purificazione ad idrogeno migliora le caratteristiche chimico-fisiche (quali tenori di zolfo, densità e tenore di azoto) dei semilavorati del Topping e dei distillati del Vacuum.
L’impianto è poi ulteriormente costituito da un’unità di idroconversione (Unità 1900) da un impianto di produzione idrogeno (Unità 1800) e da una centrale di cogenerazione di energia elettrica (Unità 3000).